Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 30 luglio 2007

MEPIS ritorna a Debian


Stando a questa notizia, divulgata da Desktop Linux, Warren Woodford di MEPIS, ha deciso di ritornare ad usare le repositories di Debian lasciando quelle di Ubuntu, adducendo motivazioni relative ai tempi ed alla qualità di aggiornamento che caratterizzano Ubuntu 6.06 "Dapper Drake".
Woodford dice che Dapper ha subito aggiornamenti e correzioni solo sul piano della sicurezza, ma non aggiornamenti del software e delle applicazioni.
Alla domanda sul perchè non rimanere al passo con le versioni d Ubuntu, Woodford ha risposto che Ubuntu usa spesso codice della versione EXPERIMENTAL di Debian e i rifacimenti delle nuove versioni di Ubuntu creano la condizione per cui Ubuntu sarebbe ancor meno stabile della versione Unstable di Debian e questo non farebbe bene agli utenti di MEPIS.
In ogni caso dalla prossima release di MEPIS, il core del sistema si baserà su Debian 4.0 "Etch".

Ubuntu Christian Edition 3.3


Jereme Hancock ha annunciato il rilascio di Ubuntu Christian Edition 3.3: "Siamo eccitato nell'annunciare la release di Ubuntu CE v3.3. Questa release aggiunge alcune nuove caratteristiche e molti aggiornamenti e correzioni. Questa release giunge appena dopo il primo compleanno di Ubuntu CE. Abbiamo goduto di un buon anno e stiamo guardando avanti per lo sviluppo continuo nell'anno che verrà. Abbiamo aggiunto la toolbar WhatWouldJesusDownload a Firefox. Questa toolbar consente un rapido accesso a molti dei grandi strumenti disponibili presso WhatWouldJesusDownload, il sito derivato del progetto Ubuntu CE. Le icone del menu principale di Ubuntu CE sono state migliorate al fine di dare loro un aspetto unico." Leggete il resto dell'annuncio di rilascio per maggiori dettagli.
Download: Ubuntu_7.04_i386_Christian_Edition_v3_3.iso (699MB, MD5).

domenica 29 luglio 2007

New Links


Ho aggiunto nuovi collegamenti a Blogs italiani che trattano di Ubuntu e li ho trovati tutti interessanti. Ecco le aggiunte :

Sarei lieto se gli amministratori di questi blog avessero voglia di inserire nei loro l'URL di Ubuntu-Inside.

Buona consultazione :-)

domenica 22 luglio 2007

Installare LAMP su Ubuntu per inesperti


In questa guida vi mostro come installare un sistema LAMP. LAMP sta per Linux, Apache, MySQL, PHP. La guida intende aiutare che ha una conoscenza molto limitata nell'uso di Linux.

Installare Apache
Per partire installeremo Apache.
  1. Aprire il terminale (Applicazioni > Accessori > Terminale).

  2. Copia/Incollate la seguente riga di codice nel terminale e premete Invio :

    sudo apt-get install apache2

  3. Vi verrà chiesta la password, digitatela e premete Invio.


Testare Apache
Per essere sicuri che tutto sia stato installato correttamente, dovrete testare Apache affinchè lavori appropriatamente.
Aprite un browser web e inserite quanto segue nella barra degli indirizzi:

http://localhost/

Dovreste vedere una cartella intitolata apache2-default/. Apritela e vedrete un messaggio che dice "Funziona!", congratulazioni!

Installare PHP
In questa parte andremo ad installare PHP 5.
  1. Aprite ancora il terminale (Applicazioni > Accessori > Terminale).

  2. Copia/Incolla la seguente linea di comando nel terminale e premete Invio:

    sudo apt-get install php5 libapache2-mod-php5

  3. Per far si che PHP funzioni e sia compatibile con Apache dovremo riavviarlo. Per farlo digitate quanto segue, nel terminale:

    sudo /etc/init.d/apache2 restart

Testare PHP
Per essere sicuri che non vi siano problemi con PHP, effettuate questo breve test.
  1. Nel terminale copia/incollate la seguente linea:

    sudo gedit /var/www/testphp.php
    Questo aprirà un file chiamato phptest.php.

  2. Copia/Incollate questa linea nel file phptest:

    <?php phpinfo(); ?>

  3. Salvate e chiudete il file.

  4. Aprite ora il browser e digitate quanto segue nella barra degli indirizzi:

    http://localhost/testphp.php

Congratulazioni, avete ora installato sia Apache che PHP!

Installate MySQL
Per terminare questa guida dovremo installare MySQL.
(Nota - A parte Apache e PHP, MySQL è il più difficile da configurare. Offrirò qualche importante risorsa per coloro che hanno difficoltà, alla fine di questa guida.)
  1. Ancora una volta avviate il terminale e copia/incollate questa linea:

    sudo apt-get install mysql-server

  2. (Opzionale). Per far si che gli altri computer della vostra rete vedano il server che avete creato, dovrete prima modificare il "Bind Address". Iniziate aprendo il terminale per modificare il file my.cnf.

    gksudo gedit /etc/mysql/my.cnf

    Cambiate la linea

    bind-address = 127.0.0.1

    E cambiate 127.0.0.1 con il vostro indirizzo IP.

  3. Qui è dove le cose si fanno un pochino difficili. Iniziate digitando quanto segue nel terminale:

    mysql -u root
    A seguire copia/incollate questa linea:
    mysql> SET PASSWORD FOR 'root'@'localhost' = PASSWORD('yourpassword');
    (Siate sicuri di cambiare yourpassword con una password di vostra scelta.)

  4. Andrete ora ad installare un programma chiamato phpMyAdmin che è un facile strumento per modificare il vostro database. Copia/incollate la seguente linea nel terminale:
    sudo apt-get install libapache2-mod-auth-mysql php5-mysql phpmyadmin
    Dopo che questo è installato, il vostro prossimo passo è di far si che PHP lavori con MySQL. Per fare ciò dovrete aprire un file che si chiama php.ini. Per farlo digitate la seguente linea:
    gksudo gedit /etc/php5/apache2/php.ini
    Ora dovrete togliere i commenti alla seguente linea rimuovendo il punto e virgola (;).
    Cambiate questa linea:
    ;extension=mysql.so
    In modo che assomigli a questa :
    extension=mysql.so
    Ora dovrete solo riavviare Apache ed avrete completato il tutto!
    sudo /etc/init.d/apache2 restart


Fine
Note rapide per tutti coloro che hanno incontrato difficoltà con il settaggio della password di MySQL. Riferitevi alla seguente pagina: MysqlPasswordReset.

sabato 21 luglio 2007

Ubuntu 7.10 Alpha 3


Sarah Hobbs ha annunciato la terza alpha release (conosciuta anche come "Tribe 3") di Ubuntu 7.10: "Tribe 3 è la terza, delle immagini CD, nel percorso di sviluppo che porterà a Gutsy. Le immagini di Tribe sono conosciute come ragionevolmente libere da bugs all'installer, mentre rappresenta una recente esposizione di Gutsy... E' incluso un altro set di nuove caratteristiche di Tribe 3 ed è pronta per il testing su vasta scala. Riferitevi alle seguenti pagine web per informazioni..." Leggete il completo annuncio di rilascio.
Download (MD5): gutsy-desktop-i386.iso (693MB), gutsy-desktop-amd64.iso (698MB). Rilasciati anche: la terza alpha di Kubuntu (leggete le caratteristiche), Edubuntu e Xubuntu (leggete le caratteristiche) 7.10.

martedì 17 luglio 2007

100 risorse per Ubuntu


Tratto da LXPages
In questo articolo abbiamo elencato 101 tutorials di Ubuntu. Se pensate di passare ad Ubuntu da Windows, non perdete tempo a pensarci. Passate ad Ubuntu ora e non penserete più di tornare indietro. Windows potrà essere più popolare, ma Linux non è troppo distante e la distro Ubuntu è una delle ragioni principali. Ubuntu è una delle più semplici, facili, e stabili distribuzioni Linux a cui passare da Windows.
I 101 link sottostanti sono riconosciuti come tutorials molto utili. Chiunque può trarre beneficio da essi, quindi per queste ragioni li abbiamo raccolti una sola pagina.
ATTENZIONE : I tutorials sono tutti in lingua inglese.

  1. Home page ufficiale di Ubuntu

  2. Forum ufficiale di Ubuntu

  3. Guida ufficiale di Ubuntu

  4. Wubuntu - Ubuntu Web Edition

  5. Guida alla transizione da Windows a Ubuntu

  6. 10 vantaggi di Ubuntu rispetto a Vista

  7. 30 giorni con Ubuntu Linux

  8. 60 giorni con Ubuntu

  9. Installare Ubuntu Linux!

  10. FREE Linux Books online

  11. La Guida definitiva di riferimento per novizi di Linux

  12. I 10 comandi principali di Linux per inesperti assoluti

  13. La Guida di riferimento definitva alla Rete Linux per inesperti

  14. Installare e usare Ubuntu senza disturbare Windows

  15. Le basi di Linux spiegate

  16. Il software desktop di Windows e le alternative Linux

  17. Le ragioni fondamentali per usare Ubuntu

  18. Come installare qualsiasi cosa in Ubuntu!

  19. Come realizzare un triplo Boot (XP, Vista, Ubuntu) con una singola Boot Screen

  20. Installer di Ubuntu basato su Windows - Screenshots e demo

  21. Instlux: Installare Linux mentre si è in Windows!

  22. Ubuntu Linux Vs. Windows Vista: La battaglia per il tuo Desktop

  23. Dieci suggerimenti per nuovi utenti Ubuntu

  24. 13 cose da fare sulla nuova installazione di Ubuntu 7.04 Feisty Fawn

  25. Hack Attack: Le 10 applicazioni top di Ubuntu

  26. Come configurare un server LAMP Ubuntu/Debian

  27. Il Desktop Perfetto - Ubuntu 7.04 Feisty Fawn

  28. Il Desktop Perfetto - Ubuntu Studio 7.04

  29. Il Setup Perfetto - Ubuntu Feisty Fawn (Ubuntu 7.04)

  30. Come instalare Internet Explorer su Ubuntu

  31. Cambiare la barra dei menu ed i logos in Ubuntu

  32. Come compilare un Kernel - La via di Ubuntu

  33. Come configurare 80 File Server in 45 minuti

  34. Installare applicazioni popolari nel vostro desktop Ubuntu con Automatix2

  35. Strumenti di monitorizzazione di banda per utenti Ubuntu

  36. Usare Internet Explorer in Ubuntu Linux

  37. Come usare partizioni NTFS sotto Ubuntu

  38. Installare Linux Flash Player 9 su Ubuntu

  39. Montare una cartella remota usando SSH su Ubuntu

  40. Clonare la vostra installazione Ubuntu

  41. Velocizzare Firefox

  42. Installare applicazioni popolari in Ubuntu Feisty Fawn usando Automatix2

  43. Come installare Java Runtime Environment (JRE) in Ubuntu

  44. Come installare Beryl con gli ultimi drivers nvidia in Ubuntu Feisty Fawn

  45. Come installare VMware Server su Ubuntu 7.04

  46. Setup di un server DNS usando bind in Ubuntu

  47. Configurazione di server e client NFS in Ubuntu

  48. Doppio Monitor con NVidia in Ubuntu

  49. Come settare immagini Flickr come wallpaper desktop di Ubuntu

  50. Condividere una connessione Internet in Ubuntu

  51. 10 programmi da avere per un nuovo utente Ubuntu

  52. 10 minuti per usare ogni applicazione Windows nel vostro desktop Ubuntu

  53. How-To: Ubuntu Media Server

  54. How-to: Cheap Ubuntu Media Server Parte 2

  55. Come criptare CD/DVD in Ubuntu

  56. Installare Ubuntu Linux su una chiavetta USB

  57. Installare il desktop KDE in Ubuntu

  58. Settare Windows come sistema di default in presenza di un Dual Boot di Ubuntu

  59. Guida ufficiale di Ubuntu Linux Desktop

  60. 100+ Tutorials di Ubuntu e crescere velocemente!

  61. Ubuntu e wireless - ora meglio che in Windows!

  62. LifeHacker 10 applicazioni top per Ubuntu

  63. Usare OSX e Windows XP/Vista su Ubuntu

  64. Importanti applicazioni di Ubuntu che forse non conoscete

  65. Modificare completamente Ubuntu che assomigli a OS X

  66. Cracking WEP con Ubuntu

  67. 100 utili links di Ubuntu Links - Tutto quello di cui avete bisogno!

  68. Guida definitiva all'incremento di prestazioni di Ubuntu

  69. Trasformare l'aspetto del vostro Ubuntu

  70. Trucchi per Ubuntu - come montare la vostra partizione WinXP, renderla leggibile/scrivibile

  71. HOWTO: Personalizzazione di Ubuntu Part I

  72. Perfezionare un sistema Ubuntu GNU/Linux

  73. Internet superveloce per Ubuntu

  74. Velocizzare Internet in Ubuntu

  75. How-to: Tematizzare il vostro desktop Ubuntu

  76. 11 cose che non avete ancora visto in Ubuntu Feisty Fawn

  77. 300+ font liberi installati per Ubuntu

  78. Guida alle prestazioni di Ubuntu

  79. Ubuntu Tutorials

  80. 10 siti popolari su Ubuntu su internet

  81. Guida alle prestazioni di Ubuntu Feisty Fawn

  82. Set-up di un sistema di webcam di sicurezza in Ubuntu

  83. Istruzioni per installare NTFS-3G in Ubuntu Dapper

  84. Come ottenere un supporto nativo in scrittura NTFS sotto Linux

  85. Hacking di Ubuntu per migliorare le prestazioni

  86. Ubuntu ed il tuo iPod®

  87. Come accedere al vostro Ubuntu in remoto

  88. Come avviare velocemente OpenOffice in Ubuntu

  89. Doppio Monitor - Come fare

  90. DvdShrink per Linux - Come installarlo su Ubuntu

  91. 13 applicazioni da installare su Ubuntu/Linux in un computer lento

  92. Come settare il vostro computer Ubuntu per essere un Router

  93. Migliorare le prestazioni in Ubuntu

  94. Come riavviare gentilmente il vostro sistema Ubuntu/Debian se entrambi falliscono

  95. Tutorial sull'Ubuntu Networking per principianti e utenti avanzati

  96. I 10 suggerimenti Top per Ubuntu

  97. Scheduling per assoluti principianti

  98. Creare un home media center Linux

  99. Kit di adattamento di Ubuntu

  100. Desktop remoto per Linux


Ce ne sono molti altri. Se siete nuovi di Linux ed Ubuntu, consultate i primi 20 links se volete imparare alla svelta.

giovedì 12 luglio 2007

Gobuntu, l'Ubuntu col buco in mezzo


Punto Informatico
venerdì 13 luglio 2007
Ubuntu è una delle distribuzioni Linux di maggiore successo, specie nel settore consumer, ma in questi anni non le sono state risparmiate critiche per il fatto di mescolare, come del resto la maggior parte delle altre distribuzioni Linux, software open source con software proprietario. Per accontentare anche i puristi del software libero, Canonical ha recentemente distribuito una versione di Ubuntu, battezzata Gobuntu, dalla quale verranno progressivamente epurati tutti i software closed source.
Nel proprio blog, Mark Shuttleworth, fondatore di Ubuntu e CEO di Canonical, ha spiegato che il team di sviluppo si è attualmente focalizzato sui driver di periferica, ma in futuro tenterà "di eliminare tutto ciò che non è modificabile o ridistribuibile, inclusi firmware, PDF, suoni, video ecc.".
Gobuntu si ispira a distribuzioni come Debian, da cui Ubuntu peraltro discende, e gNewSense, il giovane sistema operativo Linux-based di Free Software Foundation contenente solo programmi a codice aperto. Shuttleworth sostiene che Gobuntu potrebbe rappresentare "una base di codice pulita e di facile manutenzione per progetti come gNewSense".
L'attuale versione preliminare di Gobuntu, basata sulla futura release di Ubuntu Gutsy Gibbon, può essere scaricata da qui.
Canonical ha anche annunciato il rilascio della prima porzione di codice di Launchpad, il proprio sistema proprietario di project management. Il componente che è stato aperto si chiama Storm, ed è un mapper object-relational per Python.

mercoledì 11 luglio 2007

Top Ten Applications 4 Ubuntu



Dopo un anno circa di uso continuativo di Ubuntu, sono giunto a stilare una classifica delle 10 applicazioni alle quali non potrei mai rinunciare e che hanno scandito il mio lavoro al computer fino ad oggi. Nell'elenco compaiono naturalmente quelle applicazioni già presenti nel sistema e quelle che ho installato successivamente alla installazione. Non ho stilato un ordine di importanza dato che si tratta di applicazioni per usi diversificati che non possono essere paragonate alle altre.

  1. Bluefish
    L'ho scaricato originariamente per procedere alla costruzione delle pagine web dei miei siti e blog, ma si è rivelato un editor potente, versatile, facile e intuitivo. Ci faccio di tutto e le pagine web che scarico per la traduzione, le apro direttamente con questo gioiello. Non c'è editor visuale che possa reggere il confronto con questo strumento e l'unico che può competere è Quanta+ per ambiente KDE.

  2. Opera
    L'unico browser degno di questa qualifica. E' uno strumento che non dovrebbe mancare nella installazione di default di ogni LinuxOS, ma data la sua natura di software closed-source, deve essere installato a parte.
    Accanto a strumenti adatti alla pura navigazione, ci sono plug-ins adatti alla valutazione di pagine web, alla accessibilizzazione, allo scaricamento di file ed altre chicche che altri strumenti potranno forse ottenere in un futuro abbastanza remoto. Da non perdere!

  3. Rhythmbox
    E' uno strumento di gestione della musica che ho provato a sostituire con Quod Libet (su suggerimento di PollyCoke) e con SongBird, ma non sono riuscito a distaccarmene. E' facile, versatile, potente e, soprattutto, è pronto per essere usato subito non appena si sia finita la installazione del sistema. Assomiglia ad iTunes a cui mi ero affezionato quandio usavo il Mac.

  4. GnomeBaker
    E' un programma di masterizzazione CD/DVD eccezionale che non fa invidiare K3B agli utenti GNOME. E' versatile, potente, facile ed efficiente. Nonostante le presenza in Ubuntu di una applicazione per la masterizzazione, GnomeBaker ha una malleabilità ed una usabilità di alto livello.

  5. Sound Juicer
    E' un programmino di facile utilizzo che consente di estrarre i brani musicali da un CD o da un DVD. Già presente in Ubuntu, è predefinitamente configurato per avviarsi automaticamente quando viene introdotto un CD audio. Le sue dotazioni e la sua interfaccia lo rendono un programma facile, usabile, versatile e insostituibile.

  6. The GIMP
    E' il programma di grafica bitmap che Ubuntu offre predefinitamente agli utenti e non mi dilungo a magnificare le sue doti di grande editor grafico.

  7. Totem
    E' il mediaplayer di Ubuntu e si trova preinstallato nel sistema. Mi consente di vedere i DVD non criptati (e criptati una volta che siano installati i codecs necessari per la decrittazione di altri supporti DVD) e per uno come me, che non guarda più la televisione da molti mesi, è una vera e propria manna dal cielo. Ho provato a sostituirlo con GXine o con VLC, ma nessuno di questi mi ha soddifatto.

  8. Audacity
    Questo programma di audio editing non è presente in Ubuntu e l'ho installato successivamente. La sua natura di software multipiattaforma, mi ha permesso di conoscerlo quando ancora usavo il Mac e il suo uso è quanto mai semplice e soddisfacente. Mi ha permesso di digitalizzare molte musicassette e di effettuare dei ritocchi su brani musicali di qualità non elevata. E' uno strumento per i patiti della muscia e dell'ascolto musicale al computer. Imperdibile!

  9. Gweled
    E' un giochino abbastanza stupido e per uno che non ama giocare al computer, è un passatempo valido per fumarsi un Toscano davanti al pc. Non è previsto nelle dotazioni di Ubuntu e me lo sono installato a parte in pochi secondi.

  10. gFTP
    Il mio client FTP attraverso il quale ho caricato in rete i files che compongono i miei siti. E' semplice, facile da usare, affidabile e perfettamente adatto a GNOME. Non è previsto in Ubuntu e me lo sono installato a parte.


Avrei concluso se non dovessi menzionare uno strumento vitale per un qualsiasi utente Ubuntu, EasyUbuntu, un programmino in grado di installare in un sol colpo tutti quei codecs e drivers proprietari necessari ad un uso moderno e completo di un sistema come Ubuntu che, dopo essere stato adeguatamente equipaggiato delle opportune chiavi di lettura, è pronto per qualsiasi esperienza.

A voi indicare le vostre 10 applicazioni preferite nell'uso di Ubuntu.

mercoledì 4 luglio 2007

Pulire la cronologia di Totem in Ubuntu

Se avete usato il movie player predefinito di Ubuntu per vedere dei video, saprete di certo che non ci sono modi per pulire la cronologia recente dei video consultati. Questo potrebbe creare dei problemi qualora non vogliate che altri vedano i filmati che voi avete consultato e che risiedono nell'elenco.
Qui c'è l'immagine di Totem prima che io spieghi come fare a ripulirne la cronologia:

Praticamente tutte le applicazioni in Gnome custodiscono la propria cronologia nello stesso posto, e può essere ripulita andando a cancellare i documenti recenti nel menu di Gnome.
Basta andare nel menu 'Risorse' e su 'Documenti Recenti' \ 'Pulisci Documenti recenti'

Riceverete un messaggio di conferma che vi chiede se volete veramente farlo.

Naturalmente lo vorrete ed ora l'elenco è andato via da Totem.

Ahh, molto meglio!!!. Non voglio che chiunque sappia che ho visto i Simpsons, dopotutto :-)

domenica 1 luglio 2007

Ubuntu 7.10 Alpha2 "Tribe II"


La recente uscita di Feisty Fawn è stata seguita da milioni di utenti Linux e il team di sviluppo non ha certo riposto gli strumenti per affrontare lo sviluppo di Ubuntu 7.10 Gutsy Gibbon, tanto che alla fine del mese scorso (giugno 2007) è uscita la nuova Alpha Release, la seconda, che ho scaricato e provato in versione Live CD.

Come consueto, la distribuzione si annida in un solo CD e mostra a grandi linee quelle che saranno le dotazioni e le novità della versione stabile prevista per la seconda metà di ottobre di quest'anno.
Ho masterizzato la "Tribe II" (questo il nome in codice della seconda alpha release) con Gnome Baker in Ubuntu 6.06 su un CD-RW.
Le opzioni di avvio sono le medesime di tutte le versioni precedenti e la interfaccia di caricamento è per metà grafica e per metà testuale.
Tutte le dotazioni hardware e le periferiche sono state, come al solito, perfettamente riconosciute.
L'ambiente grafico è quello conosciuto e GNOME (in versione 2.19.4) mostra una interfaccia pulita, ordinata e dalla usabilità impeccabile.
Tutto il sistema si carica in 2 minuti circa.

Apparentemente il sistema sembra del tutto simile alla versione 7.04 e si rimane un po' delusi, ma ad un esame più attento si scopre che :

  1. Nel menu 'Applications' compare la nuova sezione 'Other" che contiene la voce 'Printing Notification icon'

  2. Nella voce 'System Tools' compaiono le voci 'Partition Editor' per la gestione delle partizioni del disco fisso, 'UXTerm' e 'XTerm' che permettono l'accesso a versioni diversificate del terminale.

  3. Nella voce 'Internet' compare la voce 'Pidgin' l'instant messenger che sostituisce Gaim

  4. Nella voce 'Graphics' è presente la voce 'Open Office.org Drawing' per il disegno

  5. Nel menu 'Places' compare una nuova organizzazione del sistema per cui sono presenti cartelle predefinite prima assenti come 'Documents', 'Music', 'Pictures', 'Videos', 'Desktop' utili per organizzare i propri contenuti nel sistema. Stranamente c'erano 2 cartelle Documents e due cartelle Desktop.

  6. Nel menu 'System', alla voce 'Administration' compare la voce 'Restricted Drivers Manager' per la gestione dei drivers proprietari ristretti.



Come si nota il sistema è sostanzialmente simile a quello previsto per le versioni precedenti, ma cambia il kernel (2.6.22-7) e diverse altre cose poste nel motore del sistema.

Anche così come si presenta e senza aggiunte, Ubuntu 7.10 Alpha 2, è un sistema pronto per essere installato e usato, ma è bene comunque attendere la versione stabile.

Vedere DVD con Ubuntu


I DVD sono solitamente criptati e quindi, in seguito a ragioni legali, Ubuntu Linux non può offrire pacchetti per decriptino i DVD.
Comunque, Ubuntu offre una via semplice per installare questi pacchetti. Questo tutorial vi mostrerà quali pacchetti devono essere installati in funzione di ottenere le maggiori applicazioni multimediali da usare sotto Ubuntu.

Il player multimediale predefinito su Ubuntu è Totem, un player di filmati Gnome basato su GStreamer o xine. Dato che GStreamer è la libreria predefinita usata con Totem, questo tutorial si focalizzerà sul backend di GStreamer.
Per iniziare con i codecs, dovremo installare tutti i pacchetti delle librerie di GStreamer disponibili nella repository:
Sul Terminale digitate :

$ sudo apt-get install gstreamer0.10-ffmpeg gstreamer0.10-plugins-ugly gstreamer0.10-plugins-ugly-multiverse gstreamer0.10-plugins-bad gstreamer0.10-plugins-bad-multiverse

D'ora in avanti potrete essere in grado di usare ogni divx, DVD non criptati e musica.

Per essere in grado di usare DVD criptati, dovete installare il pacchetto libdvdcss2. Come detto prima, questo pacchetto non è offerto da Ubuntu per problemi legali. Tuttavia, uno script supplisce al fine di permettere l'installazione di questo pacchetto. Questo script è fornito dal pacchetto libdvdread3.
Tornate al Terminale e, per coloro che usano Ubuntu Feisty 7.04 o Ubuntu Edgy 6.10, digitino:
$ sudo /usr/share/doc/libdvdread3/install-css.sh

Per coloro che usano versioni di Ubuntu precedenti a Edgy Eft, come Ubuntu Dapper Drake 6.06 è necessario digitare:
$ sudo /usr/share/doc/libdvdread3/examples/install-css.sh

Per coloro che usano distribuzioni basate su Debian devono usare:


$ wget http://www.dtek.chalmers.se/groups/dvd/deb/libdvdcss2_1.2.5-1_i386.deb

$ sudo dpkg -i libdvdcss2_1.2.5-1_i386.deb

Ora libdvdcss2 è installato e pronto :-), inserite un DVD nel lettore, Totem sarà in grado di leggerlo ed il DVD partirà.