Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 13 novembre 2013

Un mese con Ubuntu 13.10

Premessa

Sono molti, molti mesi ormai che non offro ai miei lettori una recensione di una distribuzione Linux.
L'arrivo di Debian 7.0 con Xfce sembrava aver rimosso in me la voglia di vedere, nei giardini dei vicini, se l'erba fosse più verde che nel mio. Ebbene la voglia di vedere come vanno le cose a casa d'altri, sembra in qualche modo ritornata, anche se devo ammettere di aver dedicato quasi tutto il mio tempo a fare altro (come potete vedere qui).
Ubuntu 13.10 è la prima distribuzione Linux che cerco di analizzare dopo il lungo silenzio.
Perché Ubuntu, che ho recensito solo un paio di volte?
Perché Ubuntu era sempre stato per me un riferimento e credevo, a torto, che fosse al di sopra della valutazione; che fosse un esempio per tutto il resto. Ora so che non è così.
Le mie fugaci esperienze con Ubuntu 12.10 e 13.04 erano state più che deludenti ed anche la lunga esperienza con la versione 12.04 LTS non brillava per soddisfazione piena. Ero giunto a considerare Ubuntu come un sistema perso, o almeno un sistema da riconsiderare in un futuro nemmeno tanto vicino. La versione 13.10 mi è sembrata quella che meritasse qualche attenzione.
Vi invito a leggere quanto segue, che poi è il resoconto della mia esperienza, che vuol dire l'esperienza di un utente normale, non particolarmente dotato.

2 commenti:

Lorenzo ha detto...

E pensa quando Ubuntu implementerà Mir e magari passerà a QT per Unity. Più passa il tempo e più è evidente che Ubuntu si evolve verso lo stesso destino di MacOSX e BSD.

L'unica cosa è che mentre succede tutto ciò l'industria sta cercando in tutti i modi di ammazzare il PC come concetto e anche Internet, entrambi concetti troppo anarchici e libertari per convivere con il business.

Giorgio Beltrammi ha detto...

Mi trovi d'accordo su tutto!