Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 14 agosto 2012

Niente paura!

Le vicissitudini di Gnome, l'imminente rilascio di Windows® 8 e la crisi economica (e civica) mondiale, stanno facendo discutere un po' sul futuro del desktop Linux.
Da una parte la tendenza a voler tabletizzare e smartphonare ogni dispositivo (device, per chi fa l'americano di 'sta cippa) che abbia un minimo di applicazioni e la conenssione al web e, dall'altra, la constatazione che l'impiego del computer desktop è ancora molto diffuso, rendono il lavoro di chi sviluppa applicativi ed interfacce, un vero e proprio dramma.
C'è chi dice che i tablet sono senz'altro il futuro e c'è chi dice che non saranno quel fenomeno ipotizzato dai precedenti. Chi ha e avrà ragione non si sa.

In tutta questa discussione, che parte ha Linux e il suo desktop? L'open source è nuovamente pronto per perdere il treno del successo planetario come da 10 anni in qua?
Anzitutto i tablet con caratteristiche appetibili costano un mucchio di soldi, almeno quanto un portatile o un desktop di medio-scarse caratteristiche. Con i tempi che corrono lo spettro "Prezzo" ha la sua bella voce forte in capitolo e per molta/moltissima gente è più probabile il dover riciclare o ringiovanire il proprio vecchio PC, piuttosto che pensare all'acquisto di un tablet da 400-600 euri cash.

Poi un tablet ha delle limitazioni d'impiego, per cui certe cose non si possono fare con la stessa destrezza con la quale le si fanno con un bel desktop comodo, a meno che non si usino orpelli ed accessori che, oltre ad avere un costo, snaturano di fatto il concetto di tablet.

Un tablet deve mantenere delle caratteristiche tali da farlo rimanere l'attrezzo che è stato fino ad ora, quindi una superficie limitata, un peso limitato, uno spessore limitato lo costringeranno a porre dei limiti al suo impiego, sempre rimanendo all'interno di ciò per cui il concetto di tablet è nato.

Non voglio affossare la bontà dello strumento, ma sorrido di fronte alle preoccupazioni di chi vede nella prossima uscita di Windows® 8, la fine del desktop Linux.
Io credo che il solo spauracchio, vissuto da milioni di utenti, di fronte agli ennesimi "inviti" ad acquistare nuovo hardware per soddisfare i capricci del nuovo "straordinario" sistema di casa Microsoft™, sia sufficiente a garantire prosperità a Linux ed al suo desktop, affidabile e funzionale.
L'errore che NON deve essere fatto è quello per il quale lo si voglia far diventare un clone o un fantoccio della prossima interfaccia di Windows® 8. Oltre a non avere lo stesso mercato, non ha nemmeno lo stesso supporto hardware e sappiamo che queste caratteristiche hanno un peso importante nell'ecologia del mondo Linux.

E' noto, a chi mi segue, che soggettivamente non provo alcun interesse alla riuscita della campagna "Linux a tutti", ma di certo non provo alcuna preoccupazione per l'avvento del nuovo Messia di casa Redmond. I suoi bug e le sue violenze sono note a tutti coloro che vogliono vederli, quindi non c'è da preoccuparsi più di tanto. Sono cose già Vista!
Xfce, KDE ed LXDE - per nominare solo gli ambienti desktop disponibili - sono realtà mature, di facile impiego e con larghe prospettive di sviluppo, di tutto il resto non c'è alcun bisogno!

2 commenti:

helix ha detto...

e come non essere d'accordo con te? secondo me il momento Linux è veramente arrivato. ormai è un ambiente stabile, semplice da gestire e bello da vedere. il rischio è proprio quello che hai detto tu: tentare di andare a scopiazzare lo smarthophonatore impazzito pensando di rosicchiare una fetta di mercato.
a dirti tutta la verità, nemmeno a me piace l'idea di una massificazione Linux sui PC, desktop o portatili che siano. in termini di sicurezza, questo significherebbe un'invasione di virus per quello che è stato fin'ora un ambiente quasi sterile.
bell'articolo. come sempre. ciao Borgio.

Anonimo ha detto...

Bravo!
Quoto in toto la linea di pensiero...
Soprattutto credo che Win8 sarà un bel flop!

E' luogo comune, marketing di vendita, credere e far credere che i tablet siano PC, NON E' COSI!

E per un bel pò di tempo non sarà cosi!